Un riconoscimento per importanti studi sul Neuroblastoma

Ricerche Neuroblastoma - Valeria Corrias Istituto Gaslini
Share Button

 Maria Valeria Corrias ha ricevuto il premio DNA 2015, indetto dall’Ordine Nazionale dei Biologi, per le sue ricerche sulla malattia metastatica nei bambini affetti da neuroblastoma.
E’ una ricerca che parte da lontano, quindici anni di studi importanti per la conoscenza e la cura del Neuroblastoma, condotta dalla dr.ssa Maria Valeria Corrias ed effettuati presso il Gaslini, Centro di riferimento nazionale per il neuroblastoma.

Un riconoscimento per importanti studi sul Neuroblastoma

Lo studio ha lo scopo di comprendere più a fondo le caratteristiche delle cellule di neuroblastoma infiltranti il midollo osseo ed individuare le interazioni delle cellule metastatiche con le cellule midollari residenti, al fine di poter individuare dei nuovi bersagli terapeutici. Inoltre, grazie alla applicazione di tecniche di biologia molecolare è possibile quantificare in misura precisa la quantità di cellule di neuroblastoma che infiltrano il midollo ed è quindi possibile prevedere la ricomparsa di malattia prima che essa sia clinicamente evidente.
Ecco cosa ci dice direttamente la Dr.ssa Maria Valeria Corrias in merito.

Dr. Corrias, ci dice cosa è il Neuroblastoma?

Il neuroblastoma è un tumore raro che nella metà dei casi si presenta sin dalla diagnosi in forma metastatica. Mentre per le forme localizzate le possibilità di guarigione sono altissime, per la forma metastatica sono ancora molto ridotte.

Quale è il risultato della sua ricerca?

Grazie all’applicazione di tecniche di biologia molecolare ai campioni dei bambini con neuroblastoma abbiamo dimostrato che la quantità di malattia metastatica alla diagnosi è in grado di individuare un gruppo di bambini che non trae alcun vantaggio dai trattamenti terapeutici attuali e che dovrebbe quindi essere avviato a trattamenti con nuovi farmaci sperimentali.

Un riconoscimento per importanti studi sul Neuroblastoma

Cosa comporterà nel futuro della terapia nel Neuroblastoma?

Sicuramente i nuovi protocolli terapeutici che si stanno delineando ora e che verranno attivati intorno al 2018 terranno conto di queste informazioni. La speranza è che ad allora siano disponibili dei farmaci efficaci contro le cellule metastatiche.

Chi ha collaborato a questo lavoro?

Questo lavoro ha richiesto più di dieci anni di studio da parte di numerosi ricercatori e clinici di vari paesi Europei che si sono riuniti nella SIOPEN ed in particolare nel gruppo del monitoraggio molecolare della malattia metastatica. Io con il tecnico di laboratorio Barbara Carlini abbiamo analizzato i campioni di tutti i bambini ricoverati in Italia, che sono centralizzati appunto al Gaslini.

Mi preme sottolineare che il contratto di ricerca e parte dei reagenti necessari per la ricerca sono finanziati dalla Fondazione per la Lotta al Neuroblastoma e che ogni ricercatore non è altro che un bambino sulle spalle di un “gigante”. Mi è impossibile elencare tutte le persone che costituiscono il gigante e a cui sono debitrice, ma alcune meritano un grazie particolare perché senza di loro non ci sarebbe neanche il laboratorio dove lavoro. Queste persone sono la professoressa Luisa Massimo, che ha fondato il reparto di Emato-Oncologia al Gaslini e l’Associazione Italiana di Emato-Oncologia Pediatrica e che ha sempre sostenuto la necessità della ricerca per migliorare i trattamenti terapeutici; il dottor Bruno De Bernardi, che ha fatto del Gaslini il centro di riferimento nazionale per il neuroblastoma, ha istituito il registro neuroblastma ed ha attivato la centralizzazione dei campioni e ha portato alla fondazione della SIOPEN, la rete Europea
Neuroblastoma; ed il professor Durand che ha sostenuto l’istituzione del Laboratorio Scientifico di Oncologia.

Un riconoscimento per importanti studi sul Neuroblastoma
Share Button

Laureata in Biologia a Cagliari, si è specializzata in Patologia Clinica a Genova. E’ stata contrattista del CNR all’Università di Cagliari e Visiting Scientist negli Stati Uniti. Oggi è dirigente biologo e responsabile dell’oncologia molecolare presso la struttura complessa Laboratorio di oncologia dell’Istituto Giannina Gaslini di Genova, diretta dal dottor Vito Pistoia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


due − 1 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>